CONTATTA LO STUDIO
Pbx con ricerca automatica: 0692959901

“Il trojan rivoluziona le indagini. Non può stare in mani private”

L'ex poliziotto e lo spyware che trasforma i telefonini in microspie audio-video: "Chi gestisce le operazioni ha un potere enorme"

il Fatto Quotidiano - 9 giugno 2019 - di Vincenzo Iurillo

L'ex superconsulente Gioacchino Genchi incarna tutte le competenze per analizzare a 360° vizi, virtù, potenzialità e i limiti e il trojan, "la rivoluzione delle investigazione", il virus che ha messo nei guai il pm di Roma Luca Palamara, lo spyware che trasforma lo smartphone in un microfono e può copiarne i dati e la memoria da remoto.   Genchi è stato poliziotto informatico, esperto nell'incrocio di dati telefonici, e ora è avvocato penalista in processi che si decidono sulla valutazione e sull'utilizzabilità delle intercettazioni.   Ha giocato all'attacco e ora…

Parla Genchi, il superesperto: ”Tabulati, i tuoi raggi X possono sapere tutto di te”

Nessuna riservatezza sugli elenchi abbonati

la Repubblica - 24 giugno 2013 - di Enrico Bellavia - Francesco Viviano

Nel 2009 fu per tutti la spia delle spie: Berlusconi lo accusò di intercettare 350mila persone, annunciando che stava per scoppiare «il più grande scandalo della Repubblica». Allora, come oggi, Gioacchino Genchi, poliziotto destituito proprio «per avere offeso Berlusconi», avvocato, considerato il numero uno dell'informatica applicata alle indagini, è stato costretto a ripetere che «non ha mai svolto un'intercettazione» in vita sua. Il pane, per lui, sono i tabulati, ovvero i dati di traffico telefonico. Per quelli dei parlamentari, nei quali si è imbattuto indagando con l'ex pm Luigi De…

Il business degli spioni, le falle del sistema. Parla l’esperto: “Possono sapere tutto di te”

Gioacchino Genchi, ex poliziotto: "L'autorità giudiziaria non saprà mai i numeri telefonici e i nomi che un operatore di polizia ha interrogato"

Repubblica - 24 giugno 2013 - di Enrico Bellavia e Francesco Viviano

ROMA -  Nel 2009 fu per tutti la spia delle spie: Berlusconi lo accusò di intercettare 350mila persone, annunciando che stava per scoppiare "il più grande scandalo della Repubblica". Allora, come oggi, Gioacchino Genchi, poliziotto destituito proprio "per avere offeso Berlusconi", avvocato, considerato il numero uno dell'informatica applicata alle indagini, è stato costretto a ripetere che "non ha mai svolto un'intercettazione" in vita sua. Il pane, per lui, sono i tabulati, ovvero i dati di traffico telefonico. Per quelli dei parlamentari, nei quali si è imbattuto indagando con l'ex pm Luigi…

“L’archivio Genchi”. Intervista con il protagonista nella trasmissione “Parliamo con l’elefante” di Giuliano Ferrara

Radio 24 - 27 gennaio 2009 - di Giuliano Ferrara

Gli strascichi del caso De Magistris si coagulano in questi giorni nello scandalo, a detta del premier Silvio Berlusconi, dell'archivio Genchi. Una raccolta di tabulati telefonici ad uso del consulente delle procure Gioacchino Genchi, che è stato intervistato da Giuliano Ferrara nella trasmissione "Parliamo con l'elefante" di Radio 24, con l'intervento di Pierluigi Batista, vice direttore del Corriere della Sera. Qui l'audio.

Gioacchino Genchi: Il buon intercettatore

Ha lavorato con il giudice Falcone e ne conosceva i segreti. Sa tutto di spie e Cosa Nostra. Vive in un bunker di Palermo e, ascoltando, sta ricostruendo il legami tra criminalità e potere

L'Europeo - 11 aprile 2007 - di Edoardo Montolli

Di seguito l'intervista rilasciata da Gioacchino Genchi alla rivista L'Europeo. Qui il testo in pdf.   Vive nel bunker sotterraneo di un palazzo confiscato alla mafia, nel centro di Palermo. Laggiù, giorno e notte, incrocia dati, elabora, scrive. Poi comunica il risultato ai magistrati, utilizzando mail e telefoni criptati. Per vederlo all’opera bisogna adattarsi alle sue richieste e usare webcam, pc e un programma di videoconferenza, Skype, unica finestra che concede al mondo esterno. Dice che è il solo modo per non farsi spiare. Quando la telecamera si accende sullo…

L’analisi del traffico telefonico

Tecniche investigative. Strumenti e metodi della Scientifica

Cronaca Vera - 7 marzo 2007 - di Redazione

I cellulari lasciano tracce nitide come impronte digitali, tanto che oggi quelle tracce sono state in grado di decidere diversi processi per omicidi, rapine e reati di vario genere. Si pensa che solo attraverso un telefono intercettato si possa incastrare un malvivente. Invece, soltanto studiandone i contatti è possibile ricavare sia il percorso fatto dal telefono, sia risalire a chi lo abbia usato, sia, infine, quali siano gli eventuali complici del reo. Ogni Gsm è infatti caratterizzato da una Imei (il numero seriale del telefonino, composto da 15 cifre e…

1 2 3 4 5