CONTATTA LO STUDIO
Pbx con ricerca automatica: 0692959901

Allora chi ha ucciso Francesco Gambacorta?

Fitti misteri sul delitto di un imprenditore avvenuto nel gennaio del 2006 - La donna che confessò l'omicidio, amante della vittima, ha poi ritrattato dicendo che a compiere il folle gesto era stata una terza persona, con cui lei aveva una relazione parallela - L'uomo indicato era stato ai tempi arrestato, ma ora è stato scarcerato - La nota di migliaia di pagine nella quale il consulente dell'accusa dimostra che non si trovava sul luogo di lavoro al momento del fattaccio, per una svista, praticamente non è stata presa in considerazione dal Tribunale della Libertà di Palermo

Cronaca Vera - 20 giugno 2007 - di Gigi Montero

Era il 27 gennaio del 2006 quando Francesco Gambacorta fu trovato vicino a un maneggio con la testa bucata da due colpi di pistola (vedi “Cronaca Vera” n. 1745). All’inizio sembrava un delitto maturato per un regolamento di conti, ma poi una donna si era ricordata della relazione della vittima con una certa Giusy di Favara, il cui padre era stato “ammazzato per mafia” dieci anni prima. Ci misero poco i carabinieri ad arrivare a Giuseppa Attardo, 39 anni, che confessò l’omicidio (vedi “Cronaca Vera” n. 1746). Tutto sembrava finire lì.…

Amore, ti uccido!

Viaggio nell’Italia del delitto passionale. D’impeto, premeditato o folle. O qualche volta, infine, avvolto in un giallo. Come quei due casi in Sicilia su cui Maxim ha scoperto che...

Maxim - 26 settembre 2006 - di Edoardo Montolli

Di seguito un servizio di Edorado Montolli sulla storia dei delitti passionali. Qui il testo in pdf.   Lui, lei, l’altro. Storie di passioni e tradimenti. Di amori e di corna. E, qualche volta, pure di coltelli. A dire il vero, anche più di qualche volta, se stiamo agli ultimi dati di Eurispes ed Eures, che danno i delitti passionali in crescita fin dal 2003 e prima causa degli omicidi in famiglia. Come ai tempi del Divorzio all’Italiana di Pietro Germi, nell’era di internet e del cybersex, dunque, si uccide…

Favara, il Riesame decide: «Arnone rimane in cella»

Giornale di Sicilia - 6 agosto 2006 - di Ge. Ca.

FAVARA. Calogero Arnone resta in carcere. Il tribunale del Riesame ha rigettato la richiesta di scarcerazione dei legali Giovanni Castronovo e Domenico Russello. L'uomo è accusato dell'omicidio di Francesco Gambacorta maturato, secondo la Procura, nell'ambito di una relazione a tre. Proprio la donna - Giuseppa Attardo, che in un primo momento confessò il delitto del 26 gennaio scorso - è la grande accusatrice di Arnone. Le sue dichiarazioni sono state ritenute «in parte contradditorie ma attendibili in relazione a quanto dice su Arnone». Non corrisponderebbe, secondo i giudici del tribunale…

Complici diabolici per salvare il loro Amore

Sconvolgente svolta nell’omicidio di un imprenditore - Il cinquantunenne venne ammazzato nello scorso gennaio con due colpi di pistola - Ad aiutare la sua amante a ucciderlo sarebbe stata la nuova conquista di quest’ultima, che mal sopportava la loro relazione preesistente

Cronaca Vera - 3 agosto 2006 - di Gigi Montero

Lo avevano ammazzato con due colpi d'arma da fuoco alla testa nel pomeriggio del 26 gennaio di quest'anno. E all'inizio (vedi "Cronaca Vera" n. 1745), dato il mistero che ne circondava la morte, si era pensato che l'imprenditore Francesco Gambacorta, 51 anni, fosse stato vittima di un regolamento di conti in ambito mafioso. Poi (vedi "Cronaca Vera" n. 1746), era stata arrestata la sua amante, Giuseppa Attardo, 39 anni, e sembrava che lei lo avesse ucciso perché l'uomo non si decideva a lasciare moglie e due figli per stare solo…

Arnone dice al Gip: «Sono innocente»

Interrogato il presunto omicida di Gambacorta

La Sicilia - 16 luglio 2006 - di Francesco Di Mare

FAVARA. Calogero Arnone non ci stà. Davanti al Gip del Tribunale di Agrigento Alfonso Malato e difeso dagli avvocati Domenico Russello e Giovanni Castronovo, il 42enne titolare di un supermercato Favara ha deciso di parlare, raccontare la propria verità, prendendo nettamente le distanze dalla pesante accusa di essere complice e addirittura esecutore dell’omicidio di Francesco Gambacorta. I carabinieri giovedì mattina gli andarono a notificare a casa un provvedimento di fermo su richiesta del sostituto procuratore Luca Sciarretta, perché ritenuto presunto protagonista della «tresca» amorosa finita nel sangue con l’altra favarese…

COMMERCIANTE UCCISO NELL’AGRIGENTINO: CONVALIDATO FERMO

Ansa - 15 luglio 2006 - di Lirio Abbate

Il gip di Agrigento ha convalidato il fermo di Calogero Arnone, 42 anni, commerciante, arrestato giovedì dai carabinieri nell'ambito dell'inchiesta sull'uccisione di Francesco Gambacorta, assassinato a gennaio scorso nelle campagne dell'agrigentino. Per l'omicidio a febbraio era finita in carcere Giuseppa Attardo che con la vittima aveva avuto una lunga relazione. Secondo gli investigatori, la donna che successivamente aveva allacciato un rapporto con Arnone, avrebbe tentato di lasciare la vittima. Gambacorta però non avrebbe accettato il rifiuto e i due avrebbero deciso di eliminarlo. Arnone, interrogato dal giudice, che ha anche…

1 2 3