CONTATTA LO STUDIO
Pbx con ricerca automatica: 0692959901

“Su Agnese e i figli gli occhi del Viminale e di un prete”

Genchi in aula: "Il prefetto Luigi Rossi, attraverso il prete, tiene la famiglia ibernata, perché non nuoccia"

il Fatto Quotidiano - 28 giugno 2019 - di Giuseppe Lo Bianco - Sandra Rizza

Pubblichiamo un estratto del libro “DepiStato” di Giuseppe Lo Bianco e Sandra Rizza (Chiarelettere), in libreria da oggi.   Nei mesi immediatamente successivi alla strage di via D’Amelio, il Viminale sembra più preoccupato a controllare la famiglia Borsellino che a cercare la verità. Lo racconta nell’aula del processo ai tre poliziotti accusati del depistaggio il funzionario di polizia Gioacchino Genchi citando, come "ideatore" del controllo, l'allora capo della Criminalpol, Luigi Rossi.   Nell'udienza dell'11 gennaio 2019 a Caltanissetta, Genchi racconta: "Rossi era molto attento a tenere rapporti con la famiglia…

I due magistrati indagati tra politica e pentiti

Via D'Amelio: Anna Palma e Carmelo Petralia coinvolti nell'inchiesta sul depistaggio di Scarantino

il Fatto Quotidiano - 13 giugno 2019 - di Giuseppe Lo Bianco e Sandra Rizza

Uno ha costruito la sua carriera nei ruoli dell’accusa, l’altra è stata per oltre dieci anni fuori ruolo, impegnata nello staff dell’ex presidente del Senato Renato Schifani e poi nelle stanze di Via Arenula, come vicecapo Dipartimento per gli affari di Giustizia. Carmelo Petralia e Anna Palma, indagati dalla Procura di Messina per il depistaggio di via D'Amelio, sono i primi magistrati chiamati a rispondere della colossale mistificazione costruita a tavolino sulle parole del pentito farlocco, Vincenzo Scarantino.   Top secret il contenuto dell'accusa di calunnia aggravata ipotizzata nei loro…

Stragi ’92, Genchi racconta le indagini sulle utenze clonate

Il super consulente sentito al processo contro Messina Denaro

Antimafia Duemila - 18 febbraio 2019 - di Aaron Pettinari

Il 15 febbraio 1993, in un blitz a Calatafimi, in provincia di Trapani vengono arrestati tre latitanti alcamesi: Antonino Alcamo, Vito Orazio Diliberto e Pietro Interdonato. La Procura di Palermo, che aveva curato l'operazione, trovò in loro possesso dei telefonini che furono oggetto di analisi da parte degli investigatori. Ad occuparsi della consulenza fu Gioacchino Genchi, ex funzionario di polizia ed oggi avvocato, e dalla visione dei tabulati emerse la clonazione di alcuni numeri telefonici e dall'analisi del traffico telefonico si ravvisavano una serie di contatti quantomeno anomali. Di questo ha parlato proprio Genchi, la…

Stragi del ’92, Gioacchino Genchi depone al processo Messina Denaro

La registrazione integrale dell’audio tratta dal sito di Radio Radicale.

Radio Radicale - 14 febbraio 2019 - di ASSO e Guido Mesiti

Gioacchino Genchi è stato sentito come teste del Pubblico ministero al processo che vede imputato il latitante Matteo Messina Denaro come uno dei mandanti degli attentati di Capaci e Via D'Amelio. L'udienza si è tenuta giovedì 14 febbraio 2019 alla Corte di Assise di Caltanissetta. Presidente Roberta Serio. L'esame dell'Avv. Gioacchino Genchi è stato condotto dal Procuratore aggiunto Gabriele Paci. Da 6:20 a 2:21:02 la registrazione integrale dell'audio tratta dal sito di Radio Radicale.  

La Cuccagna: ecco il ristorante che attovaglia Stato, 007 e boss

LA DEPOSIZIONE DI GENCHI. "Lo frequentavano tutti anche se aveva una cucina pessima: gli involtini sembravano presi all'obitorio"

il Fatto Quotidiano - 29 gennaio 2019 - di Giuseppe Lo Bianco e Sandra Rizza

Nei mesi successivi ai "botti" di Capaci e via D'Amelio le alte gerarchie del Viminale frequentavano abitualmente un ristorante di Palermo che negli anni Ottanta faceva da "postino" tra il boss Mariano Agate e un potente capo massone, ex ufficiale repubblichino, in passato coinvolto nelle indagini sul Sid deviato, e indicato come un "agente esterno" che avrebbe avuto un ruolo nella strategia stragista. Il ristorante è ''La Cuccagna", il suo titolare è Francesco Paolo Sammarco, a sua volta massone in sonno, che nei depliant turistici si vanta di aver ospitato…

Depistaggi delle indagini sulla strage di via D’Amelio

L'audizione di Gioacchino Genchi registrata da Radio Radicale

Radio Radicale - 14 gennaio 2019 - di Redazione

Gioacchino Genchi è stato sentito al processo sui depistaggi delle indagini sulla strage di via D’Amelio che si sta svolgendo davanti al Tribunale di Caltanissetta presieduto dal Giudice Francesco D’Arrigo. Rispondono di calunnia aggravata i poliziotti Mario Bo, Fabrizio Mattei e Michele Ribaudo. L’Avv. Genchi ha risposto alle domande del Procuratore aggiunto Gabriele Paci e degli avvocati difensori in un’audizione che si è protratta per due udienze ed è stata registrata dalla redazione di Radio Radicale. Dal minuto 1:36:50 la registrazione dell’audio integrale dell’udienza avvenuta il 14 dicembre 2018. Dal minuto 5:00 la registrazione…

1 4 5 6 11